Carburanti, ufficiale il rinvio al 1° gennaio dell’obbligo di fattura elettronica

del 28.06.2018

Approvato ieri sera dal Consiglio dei Ministri un decreto-legge contenente il rinvio di sei mesi – e quindi al 1° gennaio 2019 – dell’entrata in vigore dell’obbligo, previsto dalla  legge di Bilancio 2018, della fatturazione elettronica per la vendita di carburante ai soggetti titolari di partita Iva presso gli impianti stradali di distribuzione, uniformandolo a quanto previsto dalla normativa generale sulla fatturazione elettronica tra privati.

Ne consegue che fino alla fine dell’anno si potrà continuare ad utilizzare la scheda carburante per documentare le spese sostenute e poter effettuare la deduzione dei costi nella dichiarazione dei redditi da presentare il prossimo anno e la detrazione dell’Iva.

Rimane comunque l’obbligo, ai fini della detraibilità dell'Iva e deducibilità dei costi, di pagare gli acquisti di carburante mediante strumenti tracciabili diversi dal contante, come previsto dal Provvedimento n. 73203 del 4 aprile 2018.

Nessuna proroga risulta in merito agli obblighi di fatturazione elettronica per le prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, la cui entrata in vigore è prevista dal prossimo 1° luglio.

Consulta il comunicato stampa del Governo

Confapi Padova
Tel. 049 8072273
info@confapi.padova.it

/Argomenti